6-7-8 ottobre

Nasce la prima edizione di Street Food & Ottobeer Fest , una tre giorni ideata dalla Torino Wine Week, il contenitore più vario per la cultura del mangiare e del bere bene e con consapevolezza sul territorio di Torino e del Piemonte, insieme alla Città del Gusto Torino – Gambero rosso

Nel mese in cui la città di Moncalieri valorizza le sue eccellenze gastronomiche, Street Food & Ottobeer Fest vuole essere una piccola finestra sul variegato mondo del cibo di strada, portando alcune delle realtà premiate dalla guida “Street food 2023. Storie ricette e luoghi del cibo di strada all’italiana” del Gambero Rosso, insieme alle eccellenze del territorio, come Maestri del Gusto e artigiani della qualità. 

Il viaggio comincia dalla Sicilia, con il maestro Francesco Arena, il fornaio messinese più premiato di sempre e le eccellenze de Il Vecchio Carro, premiato tre fette Gambero Rosso, è specializzato nella produzione di porchetta da suino Nero dei Nebrodi. I maiali sono allevati in loco in regime semibrado e la lavorazione segue le tradizionali procedure artigianali.

I prodotti emiliani di BStradi – Bottega Contemporanea che porta avanti  la tradizione della pasta fresca fatta a mano e selezionando le migliori materie prime provenienti dai colli piacentini.

Tellia, dove  Enrico Murdocco, premiato dalla guida Pizzerie Gambero Rosso con le Tre Rotelle e nel 2021 come rivelazione dell’anno, propone la sua pizza al taglio alla romana, curatissima in ogni suo passaggio, dall’ impasto ai topping selezionatissimi fino alle cotture differenziate. La pizza è trattata come un vero piatto di alta cucina!

Un salto nella cucina internazionale con i churros di Churritos Milano, tipico dolce fritto di molti paesi sudamericani come Venezuela, Argentina, Uruguay, Cile, Colombia, Messico, Cuba e Brasile, servito con cioccolata calda e ripieno di una gran varietà di sapori. La cucina fusion di Rafiky,  che unisce la cucina piemontese a quella giapponese e messicana, tra poke bowl, gyoza e piadine arrotolate a cono super ripiene. Torniamo sul territorio con i prodotti a Km0 della cooperativa eco-sostenibile Ram di Moncalieri e con Egregio che propone menù con i loro prodotti a filiera corta e  biologici; Mara Dei Boschi premiato tre Coni Gambero Rosso, il cui gelato è un perfetto mix di tecnica e studio, dalla dolcezza calibratissima, e sorprende sempre. E poi ancora le specialità di Ristorante Quadrilatero Romano: Elena D’Ambrogio insieme al figlio Alessandro, portano l’autentica cucina romana nel cuore di Torino. La proposta street food è semplice, gustosa e soprattutto legata ai classici della tradizione laziale: supplì, spiedini di polpette, steak di pollo e guanciale e panino con la porchetta. La Madda 2.0: una cucina su ruote, con hamburger, panini, fritti o pizza, menu tradizionali con primi e secondi piatti della cucina piemontese, dolci e caffetteria.

street food moncalieri gusto festival

Ottobre e’ anche il mese che celebra nel mondo l’amore per la birra, e il Piemonte è sicuramente una delle culle del movimento birraio italiano. Nella tre giorni il pubblico avrà a disposizione 16 spillatori attraverso cui conoscere ogni giorni tante birre di alta qualità a rotazione.

Incominciamo con Filo di lana – laboratorio birraio, le cui birre nascono per chi ha sete, per soddisfare i desideri di luppolo, dolcezza o dissetante equilibrio. Andremo a conoscere la Beela , hoppy belgian blonde e la Fuori dal Gregge, una italian grape ale prodotta da uve Arneis.

La Double Dog, ipa di grande carattere, e la Blanche Noise, wiet beer inserita nelle Etichette imperdibili de Slow Food Guida alle Birre d’Italia 2023, di Edit Brewing.

Con il Birrificio San Michele , immerso nel verde e abbracciato dalle fonti del monte Pirchiriano, ai piedi della Sacra di San Michele, andremo a conoscere la Butterfly, una “kolshglas” di carattere, e la loro pale ale: la Carmen. La B.A.M, la birra agricola di Moncalieri, nelle sue tre versioni, La Bela Biunda, una blonde lager dal colore paglierino a bassa fermentazione; la Pastorale, una pale ale ambrata ad alta fermentazione; la Traktor Ipa, una black ipa molto scura e amara.

Il viaggio continua con la birra artigianale con acqua di montagna di Soralama’: la Slurp, plis vincitrice Birra dell’anno 2023 di Unionbirrai, e la Wow una bock al tempo stesso beverina e corposa. E poi ancora il birrificio Kauss, che produce le materie prime tramite una agricoltura biologica, di cui conosceremo la doppelbock, e la helles ispirata alle tedesche ma con un profilo più luppolato.

Non solo birre artigianali ma anche grandi crafty beer internazionali, dalla Pilsner Urquell,birra ceca, prodotta dal 1842 nella città di Plzeň, nella Boemia occidentale, alla Kozel, dalla Meantime di origine londinese e alla belga Saint Benoit.

Durante Street Food & Ottobeer Fest protagonista anche tanta musica: il venerdì con la serata più amata dai torinesi, Avanzi di Balera, organizzata dalla associazione FEA, il sabato una no stop dedicata ai mitici anni 80 sonorizzata dai djs di Klug, una delle realtà fondatrici di OffTopic di Torino e poi ancora la domenica dedicata al grande folk.

Scopri gli altri eventi di Gusto Festival

Una città da scoprire.
Mille emozioni da vivere.

Restiamo
in contatto

LASCIATI ACCENDERE DA MONCALIERI CULTURA, SPETTACOLO, BUON CIBO E TANTO ALTRO: RICEVI IN ANTEPRIMA TUTTE LE NEWS E GLI EVENTI DELLA CITTÀ!

Ritmika Talent - 31 maggio, 1, 7, 8 giugno
This is default text for notification bar